Intervista a Valery Semenov

25 Maggio 2021 - Ore 14:49

Eccoci nuovamente a parlare di presa, forza e determinazione. Sotto la lente di ingrandimento di Grip e Bend Italia oggi è posto un atleta Russo dalla grande tenacia e determinazione, un amante della sperimentazione e del bending a mani nude, Valery Semenov!

Ciao Valery e grazie per essere qui su GBI!

  • Prima domanda per te, dove sei nato e cresciuto? Descrivi ai lettori chi è Valery.

Saluti Giorgio! Ciao GBI!

Sono nato e cresciuto nella città di Serpukhov, nella regione di Mosca. E vivo ancora qui. Ho 37 anni, altezza – 1 metro 66 centimetri, peso 60-63 kg. Non mi considero un atleta, non vado in palestra (la palestra ce l’ho nella mia stanza). Faccio solo quello che mi piace.

  • Cosa fai per vivere e quali sono le tue passioni?

Lavoro in un piccolo impianto di riempimento della frutta. Addetto al confezionamento con programma giorno / notte (12 ore ciascuno). Gli hobby sono tanti: prima di tutto, è piegare il ferro, sollevare il bilanciere nel curl dei  bicipiti, e recentemente mi sono fatto prendere la mano a rompere i mattoni con le mani. Amo leggere libri. Autori preferiti – Chuck Palahniuk, Howard Philips Lovecraft, Clive Barker, Matthew Stokow, James Havoc … Ascolto Black e Death Metal, Punk Rock, Horrorcore. Adoro l’invecchiamento della birra (piccola collezione casalinga). Colleziono anche gin, coltelli … Tutti i tipi di hobby.

  • Come ti sei appassionato alla forza delle mani? Ti ha coinvolto qualcuno oppure è una necessità che è partita da te?

Da quando avevo 12 anni, ho fatto tanta barra orizzontale. Dai 19 ai 25 anni bevevo molto. Ad un certo punto, mi sono reso conto che sarei morto di alcol e che qualcosa doveva essere cambiato. Poi mi sono comprato il mio primo bilanciere e ho iniziato ad allenarmi. Più tardi ho visto video su YouTube in cui qualcuno faceva nodi con i chiodi. Questo mi ha molto colpito. Poi ho conosciuto i ragazzi di Iron Grip e sono stato coinvolto nella piegatura competitiva del ferro. Per me, lottare con il ferro è anche lottare con me stesso. Con la sua pigrizia e le sue cattive abitudini. Tutto nella mia vita è di mia iniziativa. Vado per la mia strada senza guardare nessuno.

 

  • Qual è la tua filosofia di allenamento e quali sono le tue priorità?

La filosofia dell’allenamento è molto semplice: cerca di non perdere l’allenamento e finisci ciò che hai iniziato fino alla fine. Allo stesso tempo, avvicinati a ogni esercizio con saggezza.

Probabilmente la priorità assoluta è un buon riscaldamento, almeno 45 minuti.

  • Spesso ti piacciono prove dolorose ed estreme, cosa ti affascina in particolare e ti spinge ad affrontare il dolore?

Probabilmente da qualche parte nel profondo del mio subconscio traggo piacere dal dolore. Hahah! Anche le cicatrici sul mio corpo parlano di questo. Una sorta di rivelazione arriva attraverso il dolore. Inoltre, non è insolito sperimentare i morsi di scorpioni, millepiedi, serpenti … È curioso fino a che punto la carne ordinaria possa spingersi nel Regno del dolore.

  • Lo diciamo ai lettori che hai scelto di tatuarti l’orso di GBI sul tuo avambraccio? 

Da tempo desideravo ottenere un tatuaggio che rappresentasse la piegatura del metallo. Ma non sono riuscito a trovare un’immagine adatta in alcun modo. Ma non appena ho visto il simbolo di GBI, ho capito che era quello di cui avevo bisogno. Mi piacciono molto il tuo orso e ciò che fai Giorgio. Stiamo percorrendo la via dell’acciaio sotto gli auspici dell’orso italiano !!!

  • Cosa ti ha insegnato la nostra disciplina che reputi importante?

Questa disciplina insegna la resistenza interiore. Sono diventato più calmo e più fiducioso in generale. Il metallo indurisce il corpo e il carattere.

Penso che la cosa più importante sia arrivare fino in fondo al tuo obiettivo, non scoraggiarti dalle sconfitte. Ci sono tante vittorie da conquistare.

  • Potresti farci un esempio della tua settimana ideale per quanto riguarda gli allenamenti?

La settimana di allenamento ideale è composta da tempo libero sufficiente che posso dedicare a quello che voglio ottenere. Oltre a una buona salute. Se in un allenamento riesco a piegare con enfasi, senza enfasi e ad aggiungere esercizi con un bilanciere o un kettlebell, allora va generalmente bene.

 

  • Nella tua città ti incontri con altri appassionati del nostro sport oppure sei visto come un tipo strano?

Sfortunatamente, nessun altro piega il ferro nella mia città. E mi considerano un ragazzo strano, almeno per le mie magliette con immagini spaventose. Hahahah!

  • Hai degli obiettivi che ti sei prefissato di raggiungere?

Certo, ci sono obiettivi: voglio piegare 110 kg GBI con touch pad in reverse, 90 kg Noble Force a mani nude, bolt 8.8 Horrido Bending, Elk di Bendsportcanada, sollevare 65 kg con bilanciere rigorosamente di bicipiti. Questo è ciò che è direttamente prioritario.

  • Lasciamo i lettori con i consigli che ti senti di proporre grazie alla tua esperienza.

Sii molto attento al tuo corpo. Non fare esercizio se non ti senti bene o molto stanco. Non sovraccaricare le aree dolorose. Avvicinati all’allenamento in modo molto responsabile.

  • Grazie Valery per il tuo tempo, è stato un piacere poterti ospitare nel sito di GBI!

E grazie per l’intervista, amico mio Giorgio! Molte grazie anche a GBI per il loro contributo alla lavorazione del ferro!

 

 

Giorgio Giannico

 

 

 

Скачать pdf интервью на языке оригинала (download)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares
© Copyright 2015 by MF