La manutenzione del Gripper

3 dicembre 2018 - Ore 0:10

Per quanto possa sembrare strano ed inusuale, anche un oggetto relativamente semplice ed elementare come un gripper necessita di una manutenzione. Oggi su Gripebenditalia vedremo come preservare e prendersi cura del nostro prezioso strumento d’allenamento.

Per molte persone il gripper è un oggetto come tanti, acquistato per curiosità o buoni propositi per poi essere relegato ad un angusto spazio all’interno di un cassetto dimenticato e polveroso, oppure semplicemente perso tra i mille inutili oggetti che ostinatamente conserviamo nelle nostre case.

Per altri invece, il gripper è un prezioso oggetto da collezione, da esibire con fierezza ed orgoglio, sulla parete o mensola, ben in vista come fosse un gioiello di immenso valore.

1

Musselwhite Grip Museum in Texasfoto by Joe Musselwhite

 

Come poter dare dunque risalto e funzionalità ai nostri gripper?

Prima di tutto diciamo quali sono i nemici del gripper, ossia sudore, magnesite, polvere e ruggine. Uno o più di questi elementi rovinerà nel tempo il nostro strumento. Case umide o sudore corroderanno le molle in acciaio che non sono protette da un film di vernice, come ad esempio i Captains of Crush (CoC). La polvere si infilerà tra le spirali della molla, rendendola rumorosa e con un attrito maggiore. I manici con la loro godronatura (parte zigrinata) conserveranno polvere di magnesite e brandelli di pelle che nel tempo creeranno uno strato doppio e uniforme che farà perdere alla godronatura una buona parte della sua capacità di presa.

2

Osservate il visibile strato di magnesite depositato sui manici di questo usatissimo gripper.

 

Ecco dunque cosa occorre per manutenzionare i gripper:

  • Spazzolino in acciaio
  • Spray lubrificante
  • Stracci

3

 

 

Cominciate con lo spazzolare i manici pettinandoli in un’unica direzione, per non alzare troppa polvere di magnesite che poi dovrete respirarvi, oppure saggiamente indossate una mascherina anti polvere. Pettinate i manici con movimenti lungo lo stesso manico, ma anche incrociati di 45°, così da far passare le setole dello spazzolino tra le interstizioni della godronatua. Assicuratevi di ruotare il gripper in ogni direzione per esporre tutta la superficie da pulire. Successivamente per chi possiede un compressore si potrà soffiare per disperdere ancor di più la polvere.

Soffiate sulla molla, oppure utilizzando uno straccio per rimuovere la polvere, poi avvolgete lo straccio attorno i manici per evitare che si imbrattino di olio e chiudete il gripper contro una resistenza fissa (gamba, tavolo, muro), in modo da far distanziare le spirali tra di esse e poter spruzzare del lubrificante spray.

4

Sarà sufficiente un breve spruzzo di lubrificante.

 

Subito dopo questa operazione aprite e chiudete più volte il gripper e dunque pulite la spirale con della carte o altro straccio. Con un panno asciutto e pulito darete un ultima passata ai manici e potrete riporre il vostro amato gioiello nel posto che merita, probabilmente la vostra Home Gym!

Vi lascio con due foto che dimostrano la differenza tra prima e dopo il trattamento.

 

prima

 

dopo

 

 

                                                                                              Giorgio Giannico

 

1 based on 2 reviews
  • Articolo breve ma essenziale!
    Io stesso spesso trascuro questo aspetto, e considerando che la mia piccola homegym si trova in uno scantinato piuttosto umido dovrei considerare questo aspetto.

    Grazie!!

  • Ottimo articolo Giorgio!
    Preziosi consigli!

    grazie come sempre

    andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




*


Shares
© Copyright 2015 by MF