Intervista a Dennis Rogers

20 maggio 2018 - Ore 0:49

Benvenuti ad un altro grande incontro con i sensazionali personaggi del nostro settore. Oggi Gripebenditalia tocca la vetta più alta ed importante mai raggiunta prima. Sì perché, questa volta, ho avuto il piacere di porre le mie domande al riferimento assoluto dell’Old Time Strongman, Il Gran Master Dennis Rogers!!! 

I suoi video mi hanno sempre entusiasmato e motivato tanto, ed oggi per Dennis stendo il tappeto rosso… buona lettura! 

1

 

  • Dennis, prima di ogni cosa GRAZIE per la tua disponibilità e cortesia nel dedicarmi il tuo prezioso tempo, ne sono felice ed onorato!  

È un piacere poterlo fare Giorgio, ne sono onorato!  

  • Cominciamo con una descrizione generale. Chi è Dennis, dov’è nato e quando? Che lavoro fai per vivere?  

Sono nato a Bethesda, nel Maryland nel 1956, figlio maggiore di un Sergente della Marina ed una casalinga. Per la maggior parte degli ultimi 25 anni sono stato uno Strongman professionista a tempo pieno, esibendomi dalle 2700 a circa 2800 volte. Alcuni di queste esibizioni erano per puro divertimento, altri erano preparati per lanciare un messaggio motivazionale – di solito nelle scuole e nelle Aziende, con una conduzione maggiore nelle chiese, eventi giovanili e attività di sensibilizzazione correlate alla condivisione del Vangelo. 

2

  • Mi piace sempre molto sapere della vita delle persone che intervisto. Il loro passato e l’evoluzione della loro vita. Tu Dennis, che infanzia hai avuto? Hai avuto ostacoli durante la tua crescita, oppure puoi vantare una fanciullezza serena e spensierata? 

I miei genitori sono sempre stati buoni con me ed i miei fratelli, ma ho avuto una vita diura nella “vita scolastica”. Per la precisione ero sempre il più piccoletto della classe, quindi ero preso di mira costantemente. Dato che mio padre era in Marina, ci siamo trasferiti diverse volte, e questo non mi è stato d’aiuto. Ad esempio i miei anni di scuola elementare si sono distribuiti tra Washington, DC, North Carolina, Virginia ed Indiana. Era difficile instaurare amicizie durature, non stando per molto tempo nello stesso luogo. È stata davvero dura.  

  • Hai praticato sport sin dalla giovane età? Come e perché sei approdato alla Forza? 

Cominciai a lavorare come matricola durante il liceo. Avendo la scoliosi ero piuttosto scoordinato, quindi l’allenatore della mia palestra mi mandò in una palestra per “educazione speciale”. Era una classe con individui con vari handicap fisici. Ero già consapevole d’essere piccolo ( 1,25 mt, peso 36 kg), quindi classificato come handicappato. Ho odiato questa cosa e decisi di dover fare qualcosa al riguardo. Iniziai ad allenarmi con i pesi, comprai alcune proteine Super Gain di Hoffman e mangiai il più possibile.  Col tempo arrivai al mio undicesimo compleanno (età in cui ti senti figo)  arrivando ad un peso di 40 kg! Fondamentalmente sono cresciuto a malapena dopo due anni di allenamento. 

Ma poi è successo qualcosa che ha cambiato la mia vita per sempre … 

Mio padre si ritirò definitivamente dalla Marina ed in giovane età cominciai a lavorare sulla copertura per barche per il porto turistico locale. Mio padre si era ritirato dall’esercito, e nel mio primo anno ha iniziato a fabbricare coperture per barche per il porto turistico locale. Ogni tanto tornava a casa con questi grossi rotoli di tela, probabilmente circa 73 kg, e io lo aiutavo a scaricarli. 

Fondamentalmente, tiravo il rotolo fino alla fine del portellone posteriore della nostra vecchia station wagon, appoggiando un’estremità sulla mia spalla, guardando da un’altra parte in modo da poter aprire la strada, e mio padre avrebbe raccolto la coda, soprattutto perché lui era più forte, e salivamo su una collina ripida. In questo modo, lui trasportava la maggior parte del peso. 

Un giorno avevo fretta di partire con i miei amici, ma mia madre mi disse che dovevo aspettare che mio padre tornasse a casa con la tela per poterlo aiutare. Ricordo che passeggiavo avanti e indietro nel cortile perché volevo andarmene. Alla fine si fermò e io corsi giù per la collina per fare il mio lavoro. Presi la mia fine del rotolo sulla spalla, quando l’ho sentito uscire dalla macchina e camminare verso di me. Così gli chiesi: “Papà, ce l’hai?” Lui rispose “uh-huh”, così mi sporsi in avanti e cominciai a risalire la collina. Quasi immediatamente ho notato che il rotolo sembrava davvero pesante. Dopo aver camminato per circa 6 metri ho chiesto a mio padre: “Papà, perché è così pesante oggi?” Quella volta mio padre non mi rispose, così mi voltai leggermente per guardarmi dietro, notando che stava scrivendo qualcosa sul suo taccuino. Il suo obiettivo era il lavoro di ufficio. Non si era neanche reso conto che avevo preso la strada con il rotolo. Ho immediatamente lasciato cadere il rotolo. E venne di fretta verso di me. Fu in quel momento che mi resi conto d’essere forte. Fondamentalmente, ero sempre forte, ma fino a quel momento avevo creduto alle bugie di quelli che mi guardavano come un rammollito. Quel rotolo di tela ha cambiato la mia mente e la mia vita per sempre. 

3

  • Sei considerato una forza della natura. Non hai dimensioni possenti come corporatura, ma valutando il tuo peso corporeo sei pound for pound l’uomo più forte in giro. Devi questa tua straordinaria capacità al duro lavoro che hai accumulato durante gli anni, oppure credi ci sia una importante componente genetica? 

Innanzitutto, prima di risponde a questa domanda, se dai un occhiata su internet, vedrai che mi definiscono alto 167 cm. Questo è stato un errore commesso da uno show TV al quale partecipai. Attualmente sono 175 cm per 75 kg. Riguardo alla domanda, nel 1998 fui nominato dall’Association of Oldetime Barbell e Strongmen Pound – for – Pound l’uomo più forte del mondo per le prove che eseguo, non nel complessivamente. 

Nel corso degli anni le persone mi hanno denominato da ” forza della natura” a “mostro della natura” e sono sicuro che lo hanno fatto per fare dei complimenti, ma l’ho sempre trovato divertente perché mi fa sembrare più forte di quanto lo sia in realtà. Penso che la cosa sia cominciata per il modo in cui dimostro la mia forza. Quando la gente guarda qualcuno che sembra una normale persona fare prove di forza, pensano subito che sia una cosa fasulla o che il tizio sia un Superman. Si, sono forte, altrimenti non sarei stato capace di fare curl ad un braccio con un manubrio da 47 ad un peso corporeo di 58 kg o di piegare a forma di “S” una chiave a rullino, o bloccare due aerei che cercano di partire. Ma, non sono Superman. 

4

Quando fui testato un paio di anni fa, due scienziate dello sport mi dissero che fui capace di reclutare più fibre muscolari di chiunque altro avessero testato in laboratorio. Mi dissero anche che avevo la capacità di portare la mia adrenalina a livelli altissimi ed in brevissimo tempo, producendo una grande accelerazione. Molti dicono sia un dono genetico. Io preferisco semplicemente credere che Dio mi abbia benedetto con la Forza. Il modo migliore per descriverlo è che ho avuto una base di forza, come quando una cantante è benedetta per una voce straordinaria o qualcuno che potrebbe creare disegni straordinari già dalle elementari. Tuttavia, come ogni regalo gradito, ho impiegato ore e ore di allenamento per continuare a crescere con forza e perfezionare la mia tecnica per ottenere risultati ottimali.  

  • Raccontaci dei tuoi anni da armwrestler. Quali sono stati i tuoi risultati migliori? Qual è stato il tuo incontro più difficile? 

I titoli più grandi sono stati: 1979 GA. National Wristwrestling Champion (0 -68 kg), 1982 AAA National Armwrestling Champion (0 – 61 kg), 1982 WAWF World Armwrestling Champion (60 kg), 1987 U.S. Open Armwrestling Champion (0-68 kg).  

5

Non ho gareggiato per circa 2 ½ – 3 anni dopo aver vinto la World’s in 82, e mi sono fermato di nuovo poco dopo la mia vittoria negli Stati Uniti nel 1987. Stavo diventando sempre più interessato alle prove di forza. 

Il match più difficile che abbia mai avuto è stato quello con il Campione del Mondo pluripremiato, Bert Whitfield. Non ricordo quanti minuti siano passati, ma mi è sembrato infinito. Bert ha avuto un’incredibile resistenza e ha vinto la partita. Era un grande campione.  

  • Tu ispiri ogni giorno tantissime persone. Ma chi ha ispirato Dennis Rogers? 

Molte persone mi hanno ispirato nel corso degli anni, ma è stato un articolo sulla rivista Armbender su Mighty Atom che mi ha ispirato a compiere imprese di forza. Ho pensato che questo ragazzo fosse piccolo e potesse fare cose incredibili. Se ci riusciva Lui, forse avrei potuto farlo anch’io.  

  • Dopo le grandi imprese di Joseph Greenstein (a.k.a. The Maghty Atom) la tradizione Old Time Strongman è stata portata avanti dal grande Lawrence Farman (a.k.a. Slim the Hammer Man), per poi arrivare a Te che per anni hai girato il mondo mostrando le tue incredibili gesta. Cosa hanno lasciato nel tuo cuore queste esperienze? 

Ho passato dei bei momenti viaggiando per il Mondo. Ho piegato e strappato cose nel più duro carcere e nel grande stadio del Guatemala, attraverso la povertà del Perù, con la magia dell’Indonesia, con la splendida architettura della Turchia, durante la sfilata di Natale in Nashville, per i malati terminali in Venezuela, per le celebrità di New York e Los Angeles, nella base militare della Germania, alla corsa di Daytona, per i bambini del Giappone, letteralmente nella giungla del Sud America e la lista è ancora lunga. 

Mi sento davvero fortunato ad essermi esibito per ricchi e poveri, per i duri e per i deboli, con la possibilità di assistere molti, in entrambi i luoghi, belli e desolati. Il mio cuore è pieno di molti ricordi di queste esperienze. 

6

  • Hai incontrato tantissime Star della musica, del cinema e dello spettacolo. Qual è stato il tuo incontro più bello con queste Stars? 

Senza dubbio la più grande stella che mi ha colpito è stato Arnold Schwartzennegger. Avevo 25 anni e avevo vinto il National Armwrestling Championship circa un mese prima. Durante il suo tour promozionale per Conan il Barbaro mi ha concesso alcuni momenti preziosi dal suo programma molto affrettato per sedersi con me e parlare ed incoraggiarmi a continuare quello che stavo facendo. Mi ha detto che sarei stato “fantastico”. Non ho mai dimenticato il tempo che ha trascorso con me, nonostante fosse spinto ad affrettarsi per il prossimo evento dal manager che gestisce il tour. 

7

  • La tua esperienza nel programma del Nathional Geographic Superhuman Strongman ha scioccato molti addetti ai lavori. Credo tu ti sia divertito molto, vero?

Sì, mi è sempre piaciuto incontrare diversi scienziati sportivi durante gli spettacoli che ho fatto per ascoltare i loro pensieri riguardo alle mie capacità. Ricordo, una delle cose che ho fatto in quel particolare spettacolo è stato il Nail Driving attraverso una tavola e attraverso una padella per friggere. Li ha impressionati così tanto che uno di loro ha detto durante la chiusura dello show, “con le sue abilità nel produrre rapidamente la forza, è il tizio di cui avrei molta paura in un vicolo buio.” Ho pensato che fosse divertente perché, come sai, c’erano alcuni personaggi davvero GRANDI forti nello show. È un buon esempio di quando le persone pensano che qualcosa sia impossibile da realizzare, e tu facendolo, gli fai scoppiare la testa. 

8

  • E di tutte le tue imprese di Forza in giro per il mondo, quale credi sia la più impressionante per la gente che ti abbia visto fare? 

Davvero difficile da dire. Piegare chiavi a rullino fa sempre il suo effetto. Arrotolare una padella ed infilarla in una bottiglia d’acqua è qualcosa che la folla gradisce sempre. Credo che fra tutte quella di aver trattenuto quattro Harley Davidson che tiravano probabilmente ha avuto il responso maggiore.  

  • Adesso sei impegnato con il tuo progetto Old Time Strongman University, come è strutturato il lavoro per chi si affida alla tua esperienza? Sono previsti esami o passaggi obbligatori per conseguire un attestato? 

Non abbiamo ancora avviato un programma di certificazione. David Whitley e io abbiamo discusso di questo con alcuni dei migliori strongman, cercando di capire quali sarebbero state le linee guida per la certificazione.  

Così com’è, abbiamo tenuto un seminario una volta all’anno che dura circa 12 ore. I partecipanti al seminario ricevono un certificato per la frequenza e per aver svolto il lavoro. Svolgo anche attività di formazione privata (una – due persone) nel mio studio a Houston, in Texas. È strutturato seguendo le stesse linee guida con i partecipanti che ricevono anche un certificato al completamento. Guardiamo all’ Oldetime Strongman University come una scuola che copre “ciò che è necessario sapere ed essere in grado di fare per iniziare nel business degli strongman performanti”.  

Ha avuto molto successo Molti dei migliori performer di oggi hanno attraversato l’OSU. Guarda quanti puoi nominare da questa foto scattata nel 2008 del primo seminario sulla Oldetime Strongman University. 

9

  • Per essere considerati degli Strongman Old Time degni di questa definizione, quali prove dovrebbe portare a termine un uomo? 

Quello che mi ha trasmesso Slim The Hammer Man era che, sentendosi  “indietro nel tempo”, se un uomo voleva davvero sembrare uno Strongman forte, doveva essere capace di piegare un 60D Penny Nail (152 x 6 mm) senza contatto del corpo. Partendo da lì bisognava scegliere altre 4 o 5 “buone prove” o “numeri” (come li chiamava Slim) di suo gradimento, e lo spettacolo era pronto.  

  • Quale consiglio ti senti di poter dare, dall’alto della tua esperienza, a chi sogna di seguire questo viaggio nella Forza? 

La forza riguarda l’intera persona. Non si tratta solo di forza fisica. La verità è che senza la mia fede in Dio non avrei mai lasciato il mio lavoro e perseguito questa carriera. 

Inoltre, per essere un forte esecutore o una donna forte, hai bisogno di esercitare la tua creatività. Mettiti in disparte. Questa è un’arte, quindi o portare in vita qualcosa di dimenticato dagli uomini forti e donne di una volta, o sviluppare alcune delle tue nuove prove per rendere la tua performance unica, o entrambe le cose. Ricorda, c’è un lato commerciale da esibire. Non si tratta solo di entrare di fronte a una folla e fare le tue cose. Occorrono innumerevoli ore di lavoro per ottenere prenotazioni, creare materiale promozionale, creare reti, sviluppare il tuo spettacolo, ecc.  

  • Mi congedo da Te chiedendoti quali sono i tuoi progetti futuri e se c’è qualcosa che vorresti ancora realizzare. 

Sono abbastanza soddisfatto di ciò che ho realizzato con la Forza. Anche se sto ancora esibendomi, mi ritrovo ad allenare sempre più artisti emergenti. Mi fa piacere. Mi piace vedere i loro risultati. 

10

Grazie Dennis per avermi dato questa possibilità, mostrando all’Italia che persona straordinaria Tu sia! GRAZIE! 

Grazie per le tue belle parole e per l’opportunità Giorgio. Continua così! 

 

Giorgio Giannico 

 

 Interview with Dennis Rogers (English Version)

Dennis, first of all THANK YOU for your availability and courtesy in devoting your precious time, I’m happy and honored! 

It’s my pleasure Giorgio. I’m honored to do it. 

Let’s start with a general description. Who is Dennis, where was he born and when? What’s your job for a living? 

I was born in Bethesda, Maryland in 1956, the oldest son of a Marine Sergeant, and homemaker. For most of the last 25 years I have been a fulltime professional strongman, performing somewhere around 2700-2800 times. Some of these were pure entertainment, others were designed around a motivational message- usually at schools and businesses, with the majority conducted at churches, youth events, and related outreaches to share the gospel.          

I always like to know a lot about the life of the people I interview. Their past and the evolution of their life. You Dennis, what childhood did you have? Have you had any obstacles during your growth, or can you boast a serene and carefree childhood? 

My parents were always good to my brothers and I, but I had a rough “school life.” To get right to the point, I was always the smallest in my class, so I was picked on all the time. Since my Dad was a Marine, we moved a great deal which didn’t help. For example, my elementary school years were spread across Washington, DC, North Carolina, Virginia and Indiana. It was kind of hard to make lasting friendships when we weren’t in one place very long. It was really tough. 

Have you practiced sport from a young age? How and why did you arrive at the Strength? 

I started working out as a freshman in high school. I have scoliosis and was pretty uncoordinated so my gym coach transferred me to “special-education” gym. It was a class for individuals with various physical handicaps. I was already self-conscious about being small (approximately 4’11” and 79 pounds), and now I was classified as handicapped. I hated it, and decided to do something about it. I started training with weights, bought some Hoffman’s Super-Gain Weight Tablets and ate as much as I could. By the time I reached 11th grade I weighed a whopping 88 pounds! Basically, I barely grew after two years of training. But, then something happened that changed my life forever … 

My Dad had retired from the military, and in my freshman year he began making boat covers for the local marina. Every so often he would come home with these large heavy rolls of canvas- probably around 160 pounds, and I would help him unload them. Basically, I would pull the roll to the end of the tailgate of our old station wagon, support one end on my shoulder- facing away from it so I could lead the way, and my father would pick up the back end- largely because he was strongest and we had to go up a steep hill. That way, he would carry the majority of the weight.  

One day I was in a hurry to go off with my friends, but my mother told me I had to wait for my father to get home with the canvas so I could help him. I remember pacing back and forth in the front yard because I wanted to leave. Finally he pulled up, and I ran down the hill to do my job. I already had my end of the roll on my shoulder when I heard him get out of the car and walk over to me. So I asked him, “Dad, do you have it?” He replied, “uh-huh,” so I leaned forward and began to walk up the hill. Almost immediately I noticed the roll seemed really heavy. After walking 20 feet or so I asked my father, “Dad, why is it so heavy today?” That time my dad didn’t answer me, so I turned slightly to glace behind and noticed that he was writing something on his clipboard. His focus was on paperwork. He didn’t even realize that I had taken off up the hill with the roll.  

I immediately dropped the roll. I had a rush come over me. It was that moment that I realized I was strong. Basically, I was always strong, but up to that point I had believed the lies of those that looked at me as a wimp. That canvas roll changed my mind and my life forever. 

You are considered a power of nature. You do not have mighty dimensions as a build, but by evaluating your body weight you are “pound for pound” the strongest man around. Do you owe this your extraordinary ability to the hard work you have accumulated over the years, or do you believe there is an important genetic component? 

First, before I answer this, if you scan the Internet you will find me listed as being 5’6” tall. This was done erroneously by one of the television shows I was on. I am actually 5’9’ and weigh 166 pounds. Concerning the title, in 1998 I was named by the Association of Oldetime Barbell and Strongmen as being Pound-for-Pound the World’s Strongest Man for the feats I perform, not overall.                                                                     

Over the years people have called me everything from a “force of nature” to a ‘freak of nature,’ and of course I know they have meant these words in a complimentary way, but it always sounded funny to me because it made me sound stronger than I actually am. I think much of this started because of the way that I display my strength. When people see someone who looks like a normal guy do big feats of strength, they either think it’s fake or the guy is Superman. Yes, I’m strong, otherwise I wouldn’t have been able to curl a 105 dumbbell with one arm at 127 pounds, or “S” bend wrenches, or stop two planes from moving. But, I’m not Superman.   

When I was tested some years ago, two sports scientists told me that I could recruit more muscle fibers than anyone they had ever tested in the lab. They also told me that I had the ability to bring my adrenaline to extremely high levels very quickly, producing great acceleration. Some call it genetically gifted. I prefer to simply say that God blessed me with strength. The best way I could describe it would be that I was given a great foundation of strength, just like a person who is blessed with a fantastic singing voice, or one who could draw incredible pictures since elementary school. However, like any welcomed gift, I have put hours upon hours of training to continue to grow in strength, and fine-tune my technique for optimum results. 

Tell us about your years as an armwrestler. What were your best results? What was your most difficult meeting? 

The biggest titles I won are: 1979 GA. National Wristwrestling Champion (0-150 pounds), 1982 AAA National Armwrestling Champion (0-135 pounds), 1982 WAWF World Armwrestling Champion (60 kilos), 1987 U.S. Open Armwrestling Champion (0-150 pounds).   

I didn’t compete for about 2 ½ – 3 years after winning the World’s in 82, and I stopped again shortly after my U.S. Open victory in 1987. I was becoming more and more interested in performing feats of strength. 

The most difficult match I ever had was with multiple-time World Champion, Bert Whitfield. I can’t remember how many minutes it went on, but it felt like forever. Bert had incredible endurance and won the match. He was a great champion. 

You inspire so many people every day. But who inspired Dennis Rogers? 

Many people have inspired me over the years, but it was an article in Armbender magazine on the Mighty Atom that inspired me to perform feats of strength. I figured this guy was small and could do some amazing things. If he could do it, maybe I could too.  

After the great accomplishments of Joseph Greenstein (aka The Mighty Atom) the Old Time Strongman tradition was carried out by the great Lawrence Farman (aka Slim the Hammer Man), and then to reach you who for years have traveled the world showing your incredible feats. What have these experiences left in your heart? 

I have had a wonderful time traveling around the world. I have bent and tore stuff in the toughest prison and the biggest stadium in Guatemala, amongst the poverty of Peru, with the magicians of Indonesia, within the beautiful architecture of Turkey, during the Christmas parade in Nashville, for the terminally ill in Venezuela, at celebrity homes in New York and LA, on the military base in Germany, at the races in Daytona, for the kind people in Japan, and literally in a South American jungle – the list goes on and on.  

I have felt very blessed to perform for the rich and poor and the tough and the weak, and for the opportunity to minister to so many, in both beautiful places and the desolate. My heart is filled with many memories from these experiences.   

You met many Stars of music, cinema and entertainment. What was your most beautiful encounter with these Stars? 

No doubt the biggest star to impact me was Arnold Schwartzennegger. I was 25 and had won the National Armwrestling Championship around a month or so earlier. During his promotional tour for Conan the Barbarian he took some precious moments from his very rushed schedule to sit down with me and talk and to encourage me to continue what I was doing. He told me I would be “great.” I never forgot how he spent that time with me, despite being pushed to get to the next event by the manager running the tour.   

Your experience in the National Geographic Superhuman Strongman program has shocked many insiders. I think you enjoyed it a lot, didn’t you?  

Yes, I always enjoyed meeting different sports scientists during the shows I did to hear their thoughts concerning my abilities. I remember, one of the things I did on that particular show was drive a nail with my hand through a board and a frying griddle. It impressed them so much that one of them said during the closing of the show, “with his abilities to produce force that rapidly, he’s the guy I would be most afraid of in a dark alley.” I thought that was funny because, as you know, there were some really BIG strong guys on the show. It’s a good example that if people think something is impossible to pull off, and you do it, you will blow some minds.   

Between the feats you perform, which one is most acclaimed by the crowd?  

It’s really hard to say. Bending wrenches always went over well. Rolling up a frying pan and putting it in a water bottle has also been a crowd favorite. I guess of all of the feats that I have ever done, holding back four Harley Davidson Motorcycles from moving probably got the biggest response.  

Now you are busy with your Oldetime Strongman University project. How is the work structured for those who rely on your experience? Are examinations or mandatory steps required to obtain a certificate?  

We haven’t started a certification program as of yet. David Whitley and I have been discussing this with several of the top performing strongmen, trying to figure out what certification guidelines would look like.  

As it stands we have been having a seminar once a year that lasts around 12 hours. Participants in the seminar receive a certificate for attending and doing the work. I also do private training (one – two individuals) in my studio in Houston, Texas. It is structured along the same guidelines with participants also receiving a certificate upon completion. We look at Oldetime Strongman University as a school that covers “what you need to know, and be able to do to get started in the performing strongman business.”   

It has been very successful. Many of today’s top performers have went through OSU.  See how many you can name from this picture taken in 2008 of the first Oldetime Strongman University seminar.  

To be considered Strongman Old Time worthy of this definition, what feats should a man complete? 

What I got from Slim the Hammer Man was that it was felt “back in the day” that if a man really wanted to be looked at as a professional strongman, he had to be able to bend a six-inch spike (60 penny nail/un-braced). From there he could choose 4 or 5 other “good feats” or “numbers” (as Slim calls it) of his liking, and he had a show.  

What advice do you feel you can give, from the height of your experience, to those who dream of following this journey in Strength? 

Strength is about the whole person. It’s not just about physical strength. The truth is, without my faith in God I would have never left my job and pursued this career. 

Also, to be a successful performing strongman or strongwoman you need to exercise your creativity. Set yourself apart. This is an art, so either bring to life something forgotten from the strong men and women of yesteryear, or develop some of your own new feats to make your performance unique, or both. 

Remember, there’s a business side to performing. It’s not all about getting in front of a crowd and doing your thing. It takes countless hours working to get bookings, creating promotional materials, networking, developing your show, etc.  

I leave you wondering what your future plans are and if there is something you would still like to achieve.  

I am pretty satisfied with my strength accomplishments. Even though I am still performing, I find myself training more and more up and coming performers. I enjoy it. I love seeing their accomplishments.   

Thanks Dennis for giving me this chance, showing Italy what an extraordinary person you are! THANK YOU!  

Thanks for your kind words and the opportunity Giorgio. Keep up the great work! 

 

Giorgio Giannico 

 

 

 

3 based on 7 reviews
  • That’s the man that inspired me to do feats of strength! Inspiring, I thank him for that.

  • That’s the man that inspired me to do feats of strength! Inspiring, I think him for that.

  • Una sola parola:”cheapeu”!

  • Per me tutto è partito da Dennis. La motivazione, la voglia di mettermi alla prova. Guardatelo negli occhi: è il ritratto della serenità. Incarna perfettamente il senso della vita. Abbi fede. Trova la tua strada, aiuta il prossimo, fai del bene e sarai un uomo felice. Nonostante tutto.
    Quindi, un GRAZIE particolare a te Giorgio. Un regalo prezioso!

    • Grazie Andrea, sai bene quanto fosse importante per me questa intervista. Ho davvero coronato un piccolo, ma fondamentale, sogno per il GBI, ospitare un Mito come Dennis Rogers!

  • Non ho parole… ricordo che la prima volta che ho sentito parlare di old time strongman è stato nel 2010 o 2011 durante un episodio di Stan Lee’s Superhumans, dove niente di meno che Dennis Rogers mostrava le sue qualità incredibili di bender (e dove – come specifica qui – gli scienziati attribuivano questa forza proprio alle capacità di reclutamento e sincronizzazione delle fibre muscolari)
    Ora lo troviamo qui, su GBI dove con passione e umiltà ci racconta la sua incredibile storia!

    Grazie mille Giorgio per questa intervista superlativa che aspettavo da tempo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




*


Shares
© Copyright 2015 by MF