GRIP CONTEST IRON ARMS 2018

31 maggio 2018 - Ore 12:34

33170065_1729080000510827_5835848596544552960_n

REGOLAMENTO GARA 

CATEGORIE: Maschile Esordienti, Maschile Assoluta. 

 

LE PROVE

Gara principale, il MEDLEY: 

Il Medley o miscuglio tradotto in italiano, è un insieme di prove da seguire in successione in un determinato tempo. L’atleta potrà scegliere un proprio ordine preferenziale degli oggetti da sollevare, in questo caso esclusivamente con una mano, che sia essa sx o dx o cambiata più volte, purché una per volta. Questi potranno essere riposti su di un rialzo. Per ogni sollevamento compiuto si acquisiranno dei punti che saranno sommati tra loro alla fine della prova. Gli elementi da sollevare saranno di varia forma e dimensione e potranno essere improvvisati dagli organizzatori senza preavviso alcuno, perché la scelta potrebbe essere determinata da disponibilità e necessità del momento. Nel caso ci fossero dubbi inerenti la tecnica di eventuali prove non menzionate il questo documento, gli organizzatori spiegheranno le varie esecuzioni in loco prima della gara. Alcuni esempi di oggetti comunemente utilizzati in questa prova sono: Blobs di vario peso e dimensione, incudine, sollevamento multiplo di piastre (pinch plates), martelli, hub, vertical bar, pinch block, half penny lift. Tempo di limite massimo per tutto il Medley sarà di 3 minuti ad atleta. Durante la prova si ha la possibilità di rinuncia alzando la mano e pronunciando la parola “STOP”, una volta presa questa decisione l’atleta non potrà eseguire altri tentativi inerenti la prova stessa. Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere. 

All’interno del Medley saranno incluse le seguenti prove: 

SOLID ROLLING HANDLE: 

Consiste nel sollevare un apposita barra di caricamento utilizzando un manico folle (attrito minimo) dal diametro di 60 mm, denominato Solid Rolling Handle. L’atleta chiamato ad affrontare la prova dovrà afferrare la maniglia del SRH (Solid Rolling Handle) con una sola mano (a sua discrezione), l’impugnatura dovrà essere con pollice in opposizione alle altre dita, sollevato l’oggetto sino alla completa estensione delle gambe e verticalizzazione della schiena l’alzata sarà ritenuta valida. Nessuna parte del corpo deve avere contatto con l’attrezzo e la mano impegnata nel sollevamento non potrà toccare il telaio del maniglione rotante.  Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere. 

MONOLITIC PINCH LIFT: 

Consiste nel sollevare un apposita barra di caricamento utilizzando un blocco metallico di determinato spessore (solitamente 50 mm), in questo caso utilizzando entrambe le mani. L’atleta chiamato ad affrontare la prova dovrà afferrare il blocco del Monolitic con due mani sollevato l’oggetto sino alla completa estensione delle gambe e verticalizzazione della schiena l’alzata sarà ritenuta valida. Nessuna parte del corpo deve avere contatto con l’attrezzo.  Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere.  

MEGA HUB LIFT: 

Consiste nel sollevare un apposita barra di caricamento utilizzando un supporto circolare, che funge da simulazione del sollevamento di una piastra Ivanko da 45 lb. L’atleta chiamato ad affrontare la prova dovrà afferrare l’attrezzo attorno la sua parte circolare con una sola mano (a sua discrezione), sollevato l’oggetto sino alla completa estensione delle gambe e verticalizzazione della schiena l’alzata sarà ritenuta valida. Nessuna parte del corpo deve avere contatto con l’attrezzo.  Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere.  

Concluso il Medley vince chi ha ottenuto più punti. 

LE ALTRE PROVE: 

AXLE DEADLIFT (DOT) – Double Overhand Thumbless Max Lift (presa senza pollice)  

L’atleta dovrà eseguire a turno tre alzate di stacco da terra (dead lift) con lo stile “tradizionale” senza l’ausilio del pollice nella presa e con le mani in pronazione. Sono vietati tutti gli altri tipi di presa, in particolare quella “mista” (Ferguson) e la chiusura del pollice, in particolare quella ad “uncino” (hook). Sollevato l’oggetto sino alla completa estensione delle gambe e verticalizzazione della schiena l’alzata sarà ritenuta valida. L’atleta avrà diritto di eseguire una alzata di prova, dopo di che per le altre tre alzate dovrà dichiarare il peso che intende sollevare, sollevato questo potrà continuare la prova. Nel caso non riuscisse ad alzare il peso dichiarato avrà la possibilità di ripetere l’alzata che sarà conteggiata come la successiva sino a concludere le tre alzate previste. Durante la prova si ha la possibilità di rinuncia alzando la mano e pronunciando la parola “STOP”, una volta presa questa decisione l’atleta non potrà eseguire altri tentativi inerenti la prova stessa, vince chi solleverà il peso più alto. Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere.  

GRIPPERS CONTEST: 

L’atleta chiamato ad affrontare la prova, con una sola mano (a sua discrezione) dovrà afferrare il gripper previsto (potrà aiutarsi con l’altra mano a settare i manici del gripper) ed una volta pronto, al via dell’arbitro potrà procedere alla chiusura del gripper sino alla sua completa chiusura. la chiusura dovrà avvenire senza contatto con nessuna parte del corpo. I grippers utilizzati saranno tutta la serie GBI (dal n°1 al n°6). Per le chiusure  non portate a termine saranno previsti altri due tentativi per gripper, oltre i quali la prova sarà considerata terminata ed il turno passerà all’atleta successivo. Durante la prova si ha la possibilità di rinuncia alzando la mano e pronunciando la parola “STOP”, una volta presa questa decisione l’atleta non potrà eseguire altri tentativi inerenti la prova stessa, al termine della prova verranno assegnati i punti relativi ai grippers chiusi. Vince chi ottiene il massimo punteggio. Non sono permesse fasce ai polsi. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere.   

BENDING CONTEST (gara a parte): 

L’atleta chiamato ad affrontare la prova, dovrà piegare le barre messe a disposizione da GBI usando le tecniche a lui preferite e con l’ausilio delle protezioni (pads) . Una barra si intende piegata quando le sue estremità sono comprese nella misura di 5 cm, per la sola  piegatura con le tecniche “Reverse”,”Vertical Style” ,”Heslep” sarà sufficiente raggiungere l’angolo di piegatura di 40°. Tutto il materiale utilizzato sarà di GBI. Le piegate non portate a termine in maniera regolamentare non saranno conteggiate, sono vietate tutte le altre tecniche di piegature e l’uso del corpo come fulcro o appoggio. L’atleta potrà scegliere la barra di partenza della difficoltà a lui più congeniale. Durante la prova si ha la possibilità di rinuncia alzando la mano e pronunciando la parola “STOP”, una volta presa questa decisione l’atleta non potrà eseguire altri tentativi inerenti la prova stessa, vince chi piega la barra più dura! Non sono permesse fasce ai polsi. Non è permesso, per questioni di sicurezza, piegare senza protezioni. È permesso l’utilizzo di sola magnesite in polvere. Il tempo limite per barra di 5 minuti incluso il tempo di preparazione pads. I pads devono essere sempre ben serrati ed aderenti al metallo. 

 

AL TERMINE DI TUTTE LE PROVE SI PROCEDERA’ CON LA SOMMA DEI PUNTEGGI DELLE PROVE EFFETTUATE DAGLI ATLETI, SI PROCEDERA’ ALLA COMPILAZIONE DELLA CLASSIFICA E ALLA RELATIVA PREMIAZIONE. LA GARA DI BENDING AVRA’ UN CLASSIFICA E UNA PREMIAZIONE A PARTE. 

 

BUON DIVERTIMENTO E CHE LA FORZA SIA CON VOI! 

NOZIONI INERENTI LA SICUREZZA: 

Un aspetto da non sottovalutare durante una competizione è quello della sicurezza, propria e di chi ci circonda. Durante il sollevamento dei carichi attraverso le varie attrezzature le possibilità di schiacciamento sono sempre alte, a causa di scivolamenti improvvisi dovuti alla ricerca del peso limite da sollevare. A rischio dunque saranno principalmente i piedi,  ma spesso anche le mani possono subire leggeri danni o infortuni. Assicurarsi sempre di indossare calzature comode e stabili, utilizzare magnesite, posizionare i piedi ad una distanza di sicurezza dal peso in movimento ed eseguire un buon riscaldamento per evitare infortuni muscolari. 

Si consiglia sempre buonsenso e prudenza, affinché un momento di sport e divertimento resti sempre tale.  

 

 Il Fondatore di GBI       Giorgio Giannico 

Il Presidente di Prima Virorum A.S.D.     Paolo Giovanni Soster   

 

 

1 based on 3 reviews
  • Ciao Andrea, mi spiace davvero non riuscirai ad essere presente domani, io ci sarò anche se non gareggerò, quindi spero davvero potremo confrontarci e soprattutto divertirci all’Iron Arms 3, che sarà ancora meglio rispetto a questo! Dai tuoi post trasuda una passione vera e grande umiltà, che sono e saranno sempre i pilastri che sostengono GBI, perciò un GRANDE grazie di cuore a te!

    Nick

    PS: stai sicuro che le pinte saranno più di un paio 😀

    • Ciao Nick, ho saputo e mi spiace, MISERIA. La vita è piena di strani percorsi. Gli ostacoli si superano a testa bassa, sempre avanti. Siete uno stimolo costante a guardare oltre i limiti. Continuate così. So che lo farete. Ci incontreremo alla terza edizione, n. perfetto.
      Grazie delle belle parole!

      un saluto e un abbraccio

      andrea

      p.s.

      le prossime le offro io!

  • Buongiorno. Purtroppo non riuscirò ad esserci domani. Volevo solo augurare a tutti quello che sicuramente avrei fatto io partecipando a questo EVENTO. Divertitevi! Il mondo del Grip mi ha regalato tanto, continua a farlo e credo che continuerà fino alla fine dei miei giorni. Mi sarebbe piaciuto conoscervi e confrontarmi con ognuno di voi e soprattutto IMPARARE da ognuno di voi. Ringrazio Giorgio per la sua immensa ed inesauribile capacità, voglia, fame e determinazione che spingono a non mollare mai. Un esempio di rara semplicità. Oh, mi raccomando, un paio di pinte anche per me. Vi abbraccio!
    Grazie di cuore.
    andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




*


Shares
© Copyright 2015 by MF